addalert addcircleoutline addlocation add arrow-down-left arrow-down-right arrow-enter arrow-left arrow-right arrow-up-right ascent assessment bin bookmarkoutline calendar-add calendar camera caret-down caret-left caret-right caret-up check chevron-down chevron-right clock close cloud-upload cog collectionsbookmark content-view-grid content-view-list datacheckerflag1 datadownload data-upload descent directions expandhorizontal expand-horizontal-2 expand-horizontal expand-vertical eye-off eye fileadd1 filecopy filenew2 filestatisticadd2 filetaskssubtract file-images-upload fullscreenexit gauge groupadd heart home infooutline info link list-number location-pin lock logout map mobile morevertical mylocation navigateprevious navigation-drawer nearme noteadd pen pencil-write pencil personoutline pindrop place playcirclefilled playlistaddcheck power-button publish refresh remove return routes-favourites scissors search share starhalf staroutline star supervisoraccount synchronize2 text-redo time-upload timeline timer track-route trendingflat trendingup user-add users visibility vote-star-banner warning zoomin badge1 medal3 medal5 starbanner starcircle starsubtract

Ipotesi - Monte Ciabergia (preso spunto da mtbpiemonte.it)

17 km Distanz
0m Aufstieg
0m Abstieg

(1 Bewertung)

Primo tratto asfaltato: da Giaveno si passa in Via San Francesco d'Assisi, B.ta Sala e si raggiunge "Certosa 1515".

Qui si svolta sul sentierosterrato  che sale verso Valgioie passando per Case Mastropietro.

Giunti sulla SP188 ci si ritrova all'altezza della B.ta Combravino e si prosegue su fino al piazzale della B.ta colle Braida.

Eventuale sosta e riporto la descrizione dettagliata di Davide Gallino: "la stradina che sale a fianco della chiesetta e che diventa poco piu' avanti a fondo naturale. Si arriva ad un prato al termine del quale, ormai in prossimita' delle case, abbandoniamo la sterrata, proseguendo diritto su sentiero. Dopo aver superato un grosso macigno si incontra un masso decisamente piu' piccolo dal quale si stacca una traccia che scende in diagonale a destra (poco visibile), seguendo la quale arriviamo nei pressi di un muretto in pietra che si oltrepassa dove presenta un varco. Si sbuca su un prato che andremo a percorrere in discesa puntando verso il bosco sottostante. In caso di dubbio, come punto di riferimento, osservate la presenza di un albero dalla corteccia chiara che sporge piu' degli altri: il cammino passa alla sinistra del medesimo (vedi foto). Segue un breve tratto di bosco dove il percorso diventa piu' marcato e poi un tratto a mezza costa piuttosto aereo dove bisogna prestare attenzione a non perdere l'equilibrio per non finire direttamente a valle! Si raggiunge un ennesimo prato dove si prosegue verso sinistra, senza quindi attraversarlo, mantenendosi nelle vicinanze del bordo della parete. Superati alcuni tavoli e panche si lascia la via Sacra (segnavia VS in bianco su foglia verde) compiendo un'inversione a U a sinistra (bivio poco visibile). Si incrocia un altro sentiero che andra' percorso in discesa (a destra). Poco piu' avanti prendere a sinistra raggiungendo infine una strada asfaltata. Ignorarla, continuando lungo il sentiero e, compiendo subito un'inversione a U, scendere al rio di S. Francesco dove si attraversa il ponticello sul medesimo (dall'altra parte del sentiero si trova la fontana del Serpule'). Si perviene alle case di Mortera e poi alla Provinciale. Scendere alle Case S. Stefano."

Da qui, invece di rientrare nuovamente da via Sala/San F. d'Assisi, si tira dritto per il sentiero che scende fino a via Sant'Ambrogio tramite la quale si rientra al punto base.


5,0
(1)



icon-helpcenter
icon-helpcenter
icon-helpcenter
Bikemap Newsletter
Top