addalert addcircleoutline addlocation add arrow-down-left arrow-down-right arrow-down arrow-left arrow-right arrow-up-right arrow-up ascent assessment bin bookmarkoutline calendar-add calendar camera caret-down caret-left caret-right caret-up check chevron-down chevron-right clock close cloud-upload cog collectionsbookmark content-view-grid content-view-list datacheckerflag1 datadownload data-upload descent directions expandhorizontal expand-horizontal-2 expand-horizontal expand-vertical eye-off eye fileadd1 filecopy filenew2 filestatisticadd2 filetaskssubtract file-images-upload fullscreenexit gauge groupadd heart home infooutline info link list-number location-pin lock logout map mobile morevertical mylocation navigateprevious navigation-drawer nearme noteadd pen pencil-write pencil personoutline pindrop place playcirclefilled playlistaddcheck power-button publish refresh remove return routes-favourites scissors search share starhalf staroutline star supervisoraccount synchronize2 text-redo time-upload timeline timer track-route trendingflat trendingup user-add users visibility vote-star-banner warning zoomin badge1 medal3 medal5 starbanner starcircle starsubtract

Giro del Lago di Zug (Svizzera)

39 km Distanz
120 m Aufstieg
120 m Abstieg

(2 Bewertungen)

Località di partenza: Buonas (392 m) Risch - Svizzera Lunghezza: 38,8 km Quota massima: 500 m Dislivvello complessivo in salita: 390 m Ciclabilità: 100% - 90% asfalto e 10% sterrato Arrivo: Buonas (392 m) Risch - Svizzera Acqua lungo il percorso: SI - in ogni paese Come arrivare: da Zurigo si percorre la l'autostrada E41 fino a Rotkreuz - Risch e all'uscita si seguono le indicazioni stradali per  Zug, Hunenberg e Risch. Alla seconda rotonda si gira a destra seguendo le indicazioni stradali per Buonas e Risch. Si percorre la Holzhauserstrasse fino a Buonas, si gira a sinistra sulla Seestrasse dove si può parcheggiare lungo la strada. Lasciamo l’auto nel parcheggio e proseguiamo su Seestrasse in direzione del lago. Giunti all’incrocio con Dersbachstrasse giriamo a sinistra e continuiamo a pedalare in senso orario dirigendoci a Zweiern.  La pista ciclabile si rivela subito bellissima e con abbondanza di segnaletica verticale indicante i vari itinerari ciclistici snodandosi fra prati ben curati. Continuiamo su pista ciclabile fino a Cham dove ci manteniamo sempre sul lungolago. Ci dirigiamo all’imbarcadero dove attracca il traghetto per una foto al meraviglioso panorama sul Lago di Zug. Dalla partenza a qui abbiamo percorso 5,3 km. Qui la segnaletica verticale indica dritto Zug (4 km) e Zurich (36 km), mentre dalla parte opposta Luzern (26 km). Noi proseguiamo dritto e pedalando in tutta tranquillità arriviamo a Zug dove ci dirigiamo sul lungolago per ammirare il panorama. Rimontati in sella iniziamo la visita della città vecchia dirigendoci al Rathaus (1505) di forme gotiche e che racchiude al suo interno una bella sala monumentale con stupendi intagli lignei del 1507. Proseguiamo la visita percorrendo Untgergasse dove al n. 14 fotografiamo il Sust (XV sec.), una casa di legno con pannelli dipinti. Continuiamo fino in fondo alla strada dove sorge la Liebfrauenkapelle (1266), giriamo a sinistra e imbocchiamo la Obergasse. Passiamo sotto l’arcata dello Zytturm, (torre dell’orologio) che reca sul fronte un interessante orologio astronomico e una sfera lunare del 1574.  Proseguiamo fino alla Kolinplatz, dove c’è una bella fontana (1541) rappresentante Kolin, l’eroe locale. Sempre sulla piazza fotografiamo, al n. 4 e al n. 6 il Kolinhaus (1689) e il Wadsackhaus (1543), mentre sull’altro lato c’è la Gasthof zum Ochsen (1544), uno storico edificio che ospitò San Carlo Borromeo nel 1570 e il re Luigi Filippo di Francia nel 1844. Imbocchiamo la Aegerinstrasse e al bivio con la Zeughausgasse giriamo a sinistra dove al n. 21 si trova una bella scalinata coperta che conduce al Kapuzinerkloster, un convento cappuccino del 1595-97. Ritornati sulla Aegerinstrasse, al n. 36 si trova il Kantonales Miuseum. Giriamo a sinistra su St. Oswaldsgasse e ci fermiamo per visitare St. Oswald, una delle più belle chiesa tardogotiche della Svizzera. Finita la visita proseguiamo su St. Oswaldgasse dove al n. 15 si erge il Brandenberghaus (1540) con affreschi del 1710 sulla facciata. Alla fine della strada giriamo a sinistra imboccando la Zugerbergstrasse dove ci fermiamo per fotografare la Pulvertum. Continuiamo il giro passando davanti alla Huwilerturm, giriamo a sinistra …continua su: http://gianolinibike.it/node/9087


5,0
(2)



icon-helpcenter
icon-helpcenter
icon-helpcenter
Bikemap Newsletter
Top