addalert addcircleoutline addlocation add arrow-down-left arrow-down-right arrow-enter arrow-left arrow-right arrow-up-right ascent assessment bin bookmarkoutline calendar-add calendar camera caret-down caret-left caret-right caret-up check chevron-down chevron-right clock close cloud-upload cog collectionsbookmark content-view-grid content-view-list datacheckerflag1 datadownload data-upload descent directions expandhorizontal expand-horizontal-2 expand-horizontal expand-vertical eye-off eye fileadd1 filecopy filenew2 filestatisticadd2 filetaskssubtract file-images-upload fullscreenexit gauge groupadd heart home infooutline info link list-number location-pin lock logout map mobile morevertical mylocation navigateprevious navigation-drawer nearme noteadd pen pencil-write pencil personoutline pindrop place playcirclefilled playlistaddcheck power-button publish refresh remove return routes-favourites scissors search share starhalf staroutline star supervisoraccount synchronize2 text-redo time-upload timeline timer track-route trendingflat trendingup user-add users visibility vote-star-banner warning zoomin badge1 medal3 medal5 starbanner starcircle starsubtract

FRIULI VG: COLLINE DEL COLLIO-GORIZIA-MONTE SAN MICHELE

49 km Distance
500m Ascent
500m Descent

(1 rating)

(54 km – 504 metri di dislivello, in mountain bike)

Seguire la traccia GPS sul Garmin, da me predisposta, oggi, sarà fondamentale, perchè, pur avendo una mappa cartacea, la segnaletica del percorso odierno è, in certi punti, piuttosto carente e, per noi che non siamo del posto, diventa complicato destreggiarci nel groviglio di strade della provincia di Gorizia.

Partendo dall'area camper di Capriva del Friuli, ci dirigiamo verso S. Floriano del Collio. Il ciclonavigatore ci porta, prima su sentieri sterrati, che corrono ai piedi dei rilievi e, successivamente, su per ripidi pendii. Ci troviamo nella zona del Collio, conosciuta in tutto il mondo per la produzione di vini pregiati, racchiusa tra l'Isonzo e lo Judrio. Per poter ammirare questo paesaggio di grande suggestione, caratterizzato da colline segnate dai filari della vite e punteggiate, qua e là, da bianchi casolari, si può percorrere, in bici, ma anche in auto o in moto, l'itinerario della “Strada del vino e delle ciliegie”, che si snoda tra Gorizia e Dolegno del Collio. Noi, oggi, ne esploriamo soltanto una parte, perchè, una volta raggiunto S. Floriano, scendiamo verso Gorizia per continuare, poi, in piano, sulla SP8, in direzione di Trieste, Sant'Andrea e Savogna d'Isonzo. Poco dopo, deviamo sulla SP13, che si stacca alla nostra destra, e seguiamo l'Itinerario Storico del Brestovec, su stradine tranquille ed immerse nel verde. Proseguiamo, quindi verso il Monte S. Michele (passando per S. Michele del Carso e S. Martino del Carso), dichiarato Zona Sacra, dove si trovano strutture e monumenti risalenti alla Grande Guerra. Qualche chilometro di discesa, un tratto pianeggiante e, superato l'Isonzo su un lungo ponte ciclabile, arriviamo a Gradisca d'Isonzo, classificato come uno dei Borghi più belli d'Italia: elegante, con un bel teatro, due parchi delimitati da alberi d'alto fusto, i resti delle mura di un'antica fortezza e una strada pedonale che si congiunge con la passeggiata lungo il fiume. Da qui, sempre fedelmente guidati dal Garmin, ritorniamo a Capriva del Friuli e all'area camper da cui eravamo partiti, con una piccola disgressione fino a Spessa, per vedere, solo dall'esterno, il suo scenografico castello, ora trasformato in resort di lusso. Anche oggi un breve, ma appagante, oltre che interessante, giro d'esplorazione ed un'altra piccola fetta di territorio scoperta e conosciuta. Daje!!!


5.0
(1)



icon-helpcenter
icon-helpcenter
icon-helpcenter
Bikemap Newsletter
Top