addalert addcircleoutline addlocation add arrow-down-left arrow-down-right arrow-down arrow-left arrow-right arrow-up-right arrow-up ascent assessment bin bookmarkoutline calendar-add calendar camera caret-down caret-left caret-right caret-up check chevron-down chevron-right clock close cloud-upload cog collectionsbookmark content-view-grid content-view-list datacheckerflag1 datadownload data-upload descent directions expandhorizontal expand-horizontal-2 expand-horizontal expand-vertical eye-off eye fileadd1 filecopy filenew2 filestatisticadd2 filetaskssubtract file-images-upload fullscreenexit gauge groupadd heart home infooutline info link list-number location-pin lock logout map mobile morevertical mylocation navigateprevious navigation-drawer nearme noteadd pen pencil-write pencil personoutline pindrop place playcirclefilled playlistaddcheck power-button publish refresh remove return routes-favourites scissors search share starhalf staroutline star supervisoraccount synchronize2 text-redo time-upload timeline timer track-route trendingflat trendingup user-add users visibility vote-star-banner warning zoomin badge1 medal3 medal5 starbanner starcircle starsubtract google facebook email eye-open eye-hide compass search-map download-app phone-shield
Premium Badge Offline Maps Bike Type Optimized Routing Premium Maps 3D Route Preview Fall Detection Premium Support

In MTB tra il passo del Giovetto e il passo dei Campelli

28 km Distance
950 m Ascent
950 m Descent

(0 ratings)

Il punto di partenza è fissato al piazzale degli Alpini di Schilpario. Seguendo la strada principale per il passo del Vivione, entriamo nel primo grande piazzale sulla destra ed attraversiamo un ponte di legno: ci troviamo così alla partenza della pista di sci nordico. Procediamo a sinistra, seguiamo lo sterrato che si addentra nel bosco mantenendo sempre la sinistra, fino a ritrovarci nei pressi del Ristorante Capriolo. Dal piazzale del ristorante svoltiamo a destra lungo la strada asfaltata che porta al passo del Vivione.

Dopo alcuni km di salita, giungiamo al Rifugio Baracca Rossa, lo superiamo e dopo pochi metri svoltiamo a destra seguendo le indicazioni per i Campelli. Dopo circa 300 mt, prima del ponte, manteniamo la sinistra e seguiamo fedelmente la strada sterrata che prende quota. Superiamo la prima cascina con abbeveratoio e procediamo seguendo lo sterrato verso il Monte Gardena.

ATTENZIONE ALLA DEVIAZIONE SUCCESSIVA ALLA NOSTRA DESTRA. Alla vista di alcuni abbeveratoi in serie, abbandoniamo la strada uscendo a destra, pochi metri prima di giungere alla vasche (eventualmente utili per qualche sorso d’acqua) manteniamo la destra ed iniziamo a scendere nel prato lungo la massima pendenza. Subito manteniamo la destra, la conformazione del terreno ci può aiutare a trovare il sentiero che poche decine di metri più a valle piega decisamente a sinistra fino ad imboccare il 428 del CAI che è da seguire fedelmente.

Seguendo il sentiero, in alcuni punti tecnico, che taglia tutta la costa, giungiamo ad una strada sterrata in loc. Giovetto. Svoltiamo a destra ed al primo bivio, vi è la possibilità di effettuare una variante in salita che dopo circa 1 km porta ad un terrazzo panoramico sulle cascate del Sellero, qui la strada si conclude e si ridiscende lungo lo stesso tracciato. Giunti all’incrocio recentemente superato svoltiamo a sinistra e seguiamo fedelmente lo sterrato. Al successivo incrocio svoltiamo a sinistra, sempre in salita fino al passo dei Campelli. Pochi metri dopo il passo, svoltiamo a sinistra ed imbocchiamo la strada che sale fino il Rifugio Campione.

Ripercorriamo in discesa lo sterrato fino al Passo dei Campelli, al bivio manteniamo la sinistra scendendo. Continuiamo la discesa fino alla Madonnina dei Campelli. Da qui, fuori traccia, di fronte alla Madonnina troviamo il sentiero che ci porterà al bellissimo laghetto dei Campelli alle falde del Cimon della Bagozza. Riprendiamo la discesa. Prima del ponte, svoltiamo a sinistra, oltrepassiamo due prati e manteniamo la destra, continuiamo a scendere seguendo fedelmente il percorso, attraversiamo un torrente in secca e dopo una decina di metri svoltiamo a sinistra percorriamo alcuni metri in salita per poi riprendere la discesa, ci manteniamo a sinistra per restare su sterrato fino a incrociare la strada cementata, procediamo verso valle su asfalto per riportarci al punto di partenza.


0.0
(0)



icon-helpcenter
icon-helpcenter
icon-helpcenter
Bikemap Newsletter