addalert addcircleoutline addlocation add arrow-down-left arrow-down-right arrow-down arrow-left arrow-right arrow-up-right arrow-up ascent assessment bin bookmarkoutline calendar-add calendar camera caret-down caret-left caret-right caret-up check chevron-down chevron-right clock close cloud-upload cog collectionsbookmark content-view-grid content-view-list datacheckerflag1 datadownload data-upload descent directions expandhorizontal expand-horizontal-2 expand-horizontal expand-vertical eye-off eye fileadd1 filecopy filenew2 filestatisticadd2 filetaskssubtract file-images-upload fullscreenexit gauge groupadd heart home infooutline info link list-number location-pin lock logout map mobile morevertical mylocation navigateprevious navigation-drawer nearme noteadd pen pencil-write pencil personoutline pindrop place playcirclefilled playlistaddcheck power-button publish refresh remove return routes-favourites scissors search share starhalf staroutline star supervisoraccount synchronize2 text-redo time-upload timeline timer track-route trendingflat trendingup user-add users visibility vote-star-banner warning zoomin badge1 medal3 medal5 starbanner starcircle starsubtract google facebook email eye-open eye-hide compass search-map download-app phone-shield
Facebook Instagram Twitter YouTube Premium Badge Offline Maps Bike Type Optimized Routing Premium Maps 3D Route Preview Fall Detection Premium Support

Palmadula-porto Palmas-Argentiera-Palmadula

20 km Distance
610 m Ascent
610 m Descent

(2 ratings)

ercorso medio-difficile da fare al mattino presto o in stagioni diverse da quelle estive perché si è costantemente sotto il sole. Parcheggiata la macchina nei pressi della chiesa del paese di Palmadula, attraverso strade secondarie sterrate si scende a porto Palmas, che è una spiaggia posta in una baia protetta da due ampie scogliere e costituita da sabbia color ambra. Il posto è incantevole, soprattutto visto al mattino presto quando non sono ancora arrivati i bagnanti. Lasciata la baia si deve scollinare per scendere poi ad Argentiera, un ex centro minerario ora convertito a zona turistica, dove però si è voluto conservare i vecchi edifici, ormai decadenti, del precedente passato. Oltrepassata Argentaria si lascia la costa per entrare nell'entroterra sardo abitato da pecore, capre e polvere...  Il confine lo troverete dopo l'ultima casa: un recinto e un cancello, da chiudere dopo averlo oltrepassato. In posto che vi troverete a percorrere è completamente isolato, se siete fortunati potrete trovare degli animali al pascolo. La strada è ben visibile, ci sono un paio di punti dalla pendenza sostenuta, ma sono brevi. L'ultimo strappo io l'ho percorso spingendo. Arrivati in cima si potrà rivedere il mare. Nelle mappe, alterni e della strada sterrata, è indicato l'inizio di un sentiero. Ho voluto vedere se fosse praticabile, anche con la bici a mano, per cui ho lasciata la bici ad aspettarmi, ho provato a percorrerlo per qualche centinaio di metri, ma gli arbusti hanno quasi completamente coperto la via e non ci sono segni che aiutano a non perdere la strada, per cui ho lasciato perdere e sono tornato indietro. Su scende su strada ripida fino a ritrovare la strada asfaltata che scende ad Argentaria. La si percorre nel verso opposto per tornare al paese di Palmadula


5.0
(2)

MTB