addalert addcircleoutline addlocation add arrow-down-left arrow-down-right arrow-down arrow-left arrow-right arrow-up-right arrow-up ascent assessment bin bookmarkoutline calendar-add calendar camera caret-down caret-left caret-right caret-up check chevron-down chevron-right clock close cloud-upload cog collectionsbookmark content-view-grid content-view-list datacheckerflag1 datadownload data-upload descent directions expandhorizontal expand-horizontal-2 expand-horizontal expand-vertical eye-off eye fileadd1 filecopy filenew2 filestatisticadd2 filetaskssubtract file-images-upload fullscreenexit gauge groupadd heart home infooutline info link list-number location-pin lock logout map mobile morevertical mylocation navigateprevious navigation-drawer nearme noteadd pen pencil-write pencil personoutline pindrop place playcirclefilled playlistaddcheck power-button publish refresh remove return routes-favourites scissors search share starhalf staroutline star supervisoraccount synchronize2 text-redo time-upload timeline timer track-route trendingflat trendingup user-add users visibility vote-star-banner warning zoomin badge1 medal3 medal5 starbanner starcircle starsubtract google facebook email eye-open eye-hide

Rifugio Curò e Lago del Barbellino

32 km Distance
1,510 m Ascent
1,435 m Descent

(2 ratings)

Partenza da località Fiumenero, dove è possibile parcheggiare, in modo da poter percorrere qualche chilometro di riscaldamento prima di iniziare la salita. Giunti a Valbondione si prende la mulattiera che mette subito a dura prova con le sue pendenze. Giunti circa a metà della salita (zona partenza teleferica a servizio del Rifugio), inizia il tratto più tosto, pedalabile (senza e-bike) solo a tratti e comunque molto sconnessi. L'ultimo tratto prima del rifugio è interamente scavato nella roccia ed è pedalabile a condizione di non soffrire di vertigini. Dal Rifugio Curò (mt 1895) al lago naturale del Barbellino la pendenza è minima e la difficoltà è data solo dal fondo sconnesso, Solamente negli ultimi metri sarà necessario spingere la bici. Il ritorno si può percorrere interamente in sella, salvo decidere, come in questo caso, di deviare verso il borgo di Maslana. Non sarà tutto pedalabile ma il panorama merita lo sforzo.


5.0
(2)



icon-helpcenter
icon-helpcenter
icon-helpcenter
Bikemap Newsletter